Scarica l'allegato originale

L’Amministrazione emette un provvedimento di sospensione di un’agevolazione finanziaria che era stata precedentemente concessa ad una società X.

La società X ricorre dinanzi al G.A. per chiedere l’annullamento del provvedimento di sospensione e il Tribunale accoglie la sua richiesta annullando il provvedimento in quanto basato su presupposti insufficienti.

A seguito della sentenza l’Amministrazione non provvede però a rilasciare l’agevolazione finanziaria, ma ne condiziona il rilascio alla presentazione di una fideiussione avente validità fino a 60 giorni successivi all’emanazione di sentenza passata in giudicato nel procedimento penale a carico del maggior azionista della società X (imputazione per associazione mafiosa).

La fideiussione viene richiesta a tutela dell’interesse pubblico ad una corretta gestione dei fondi erogati alle imprese, ed in particolare al controllo sulla concessione di agevolazioni ad imprese che non risultino condizionate dalla criminalità organizzata.

La società X ricorre dunque per l’ottemperanza della sentenza che aveva annullato il provvedimento di sospensione, prospettandone l’avvenuta elusione da parte dell’Amministrazione.

Il candidato, premessi brevi cenni sull’effetto della sentenza di annullamento, indichi se il comportamento dell’Amministrazione possa configurare o meno un’ipotesi di elusione del giudicato.